Da Londra alla Tanzania!

Giovanna, una volontaria fresca di un master in studi africani all’Università SOAS di Londra, è rimasta quasi 3 mesi a Unewa svolgendo innumerevoli servizi ma dedicandosi particolarmente all’insegnamento dell’inglese a tutti i bambini della nostra scuola primaria, inserendo anche la lettura grazie alla nuova biblioteca. Giovanna ha insegnato inglese anche a Julia (insegnante dei bimbi dell’orfanotrofio).  La sua esperienza è stata estremamente positiva per lei e per la nostra associazione: le saremo sempre grati per quanto ha fatto, e per il prezioso contributo che continua a dare all’associazione.
Le sue parole:
“Ho trascorso due mesi e mezzo tra Unewa e Imiliwaha, e ho insegnato inglese ai bambini della scuola primaria di Unewa dalla primina alla settima, e a due ragazzi che vivono e lavorano all’orfanotrofio di Imiliwaha, Juliana ed Anton.
La giornata iniziava con una lezione di due ore con sei ragazzi che avevano terminato settima, dalle 8 alle 10. Dalle 10.30 alle 11.50 avevo lezione in una delle altre classi, ogni giorno una classe diversa, partendo dalla primina il lunedì e arrivando alla quinta il venerdì, saltando la quarta e la sesta che si stavano preparando agli esami. Dopo pranzo andavo all’orfanotrofio di Imiliwaha e insegnavo a Juliana e Anton per un’ora e mezza.
Durante questo periodo ho anche organizzato la biblioteca. La scuola aveva parecchi libri in inglese e li ho catalogati e divisi per età.
È stato molto interessante e stimolante organizzare diverse attività ed esercizi per ogni classe e fascia d’età. Con i più piccoli ho svolto attività di disegno per insegnare i vocaboli, mentre con i ragazzi più grandi ho iniziato un progetto di lettura. Veniva loro assegnato un libro ciascuno e dovevano leggere dalle due alle quattro pagine al giorno. Il giorno successivo dovevano riassumere quello che avevano letto.
Dopo due mesi e mezzo di conversazione in inglese si sono visti i progressi e, soprattutto con i ragazzi di settima, le ultime settimane abbiamo fatto lunghe conversazioni su svariati argomenti. La prossima volta mi piacerebbe poter estendere le lezioni di inglese anche ai bambini dell’orfanotrofio.
Ho anche seguito due settimane di corso intensivo di Swahili, che mi è stato molto utile per instaurare rapporti e socializzare con tutti.
È stata une bellissima esperienza che mi ha arricchito molto: A PRESTO TANZANIA!